Laura Bassi: tra fisica e scritti

Laura Maria Caterina Bassi Veratti, conosciuta come Laura Bassi, è stata una fisica e accademica italiana.

Laura Bassi è stata tra le prime donne al mondo a ottenere una cattedra universitaria. Ottenne la prima laurea di una donna in biologia e fisica a Bologna.

Nasce a Bologna, quando questa città faceva parte dello Stato Pontificio.

Date le sue eccezionali doti intellettuali seguì studi di logica, metafisica, fisica e psicologia. Le donne erano ovunque escluse dagli studi e dalle professioni intellettuali, nei collegi e nelle università. Laura Bassi lotterà, infatti, per ottenere pari condizioni nell’insegnamento. Lei riuscì a seguire una carriera intellettuale e professionale nell’ambito di istituzioni pubbliche di ricerca e insegnamento, in un periodo in cui le università e le accademia erano mondi senza donne.

Nel 1732 l’Università di Bologna le conferì la laurea in filosofia e le assegnò una cattedra per l’insegnamento della Fisica, allora denominata filosofia naturale. Nello stesso anno fu aggregata al collegio dei dottori di filosofia. Ella poté, però, insegnare solo in speciali occasioni, su permesso dei superiori, come durante le visite di principi e alti prelati.

Nel 1738 si sposò con il medico Giuseppe Veratti, lettore di fisica particolare nell’università, che non ostacolò mai i suoi studi.

Avviò, nella sua casa, corsi di fisica sperimentale. Dal momento che a Bologna era l’unico corso sulla disciplina ed era frequentato soprattutto da studenti dell’università, il Senato accademico ne riconobbe l’utilità pubblica. Insegnò poi anche fisica sperimentale agli alunni del Collegio Montalto di Bologna.

Laura Bassi era una seguace delle teorie newtoniane e cercò di applicarle in molteplici ricerche, allora pioneristiche, sull’elettricità. Grazie alla stima che si era procurata con le sue ricerche e la sua attività didattica, riuscì a farsi assegnare, nel 1776, la cattedra di professore di fisica sperimentale nell’Istituto delle Scienze, finalmente senza alcuna limitazione dovuta al sesso.

Morì a Bologna all’età di 66 anni.

Vediamo la sua firma:

laurabassi

Vedendo questa scrittura va tenuto sicuramente conto dell’epoca in cui Laura Bassi visse. Siamo nel 1700 e il modello calligrafico in vigore all’epoca è evidente. Infatti la cura, l’estetica e qualche gesto di abbellimento sono tipiche del periodo. Resta però connotante la modulazione delle forme grafiche e l’occupazione dello spazio.

 

Prosegui guardando la grafia di Semmelweis.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi